1. Home
  2. Search
  3. Fulltext search
  4. Browse
  5. Recent Items rss
  6. Publish

Uno sguardo sul collezionismo milanese tra Sei e Settecento: le quadrerie di Giulio Bonacina, Margherita del Pozzo Bonacina e Gerolamo Bertachino

Berra, Giacomo

[img]
Preview
PDF, Italian Print-on-Demand-Kopie (epubli)
Download (1MB) | Lizenz: Print on Demand

For citations of this document, please do not use the address displayed in the URL prompt of the browser. Instead, please cite with one of the following:

Abstract

Nell’articolo sono stati resi noti e studiati alcuni documenti inventariali, datati tra Sei e Settecento, conservati presso l’Archivio di Stato di Milano. Tali carte d’archivio permettono di ricostruire, almeno parzialmente, tre significative collezioni milanesi. Nell’inventario del 1679, relativo alla quadreria del nobile Giulio Bonacina, sono registrati circa 50 dipinti alcuni dei quali riferiti ad artisti come, ad esempio, Carlo Cane, Claude Lorrain, Giulio Cesare Procaccini, Giuseppe Nuvolone. Nell’inventario datato 1716 della collezione della nobile Margherita del Pozzo Bonacina sono invece inseriti circa 175 quadri (valutati dal pittore Tommaso Legnani). Alcuni di essi sono registrati anche con il nome del rispettivo autore: ad esempio troviamo opere di Carlo Preda, di Camillo Procaccini, di Carlo Antonio Rossi e di altri. In particolare sono da segnalare in questa quadreria dei dipinti eseguiti dal poco conosciuto Michelangelo Nuvolone e dalla pittrice Giulia Cerana, la sorella del più famoso Giovan Battista Crespi, detto il Cerano. Nel terzo inventario datato 1697 (suddiviso in tre parti distinte), riguardante la collezione del reverendo Gerolamo Bertachino (un singolare personaggio legato a san Carlo Borromeo e al Duomo di Milano), compaiono all’incirca ben 450 quadri. Alcuni di essi sono attribuiti ad artisti famosi come Tiziano, Raffaello, Dürer, il Veronese, Bramante, Lorrain, Rubens, Correggio, lo Spagnoletto, Parmigianino, Michelangelo; oppure a diversi altri significativi pittori di ambito lombardo come, ad esempio, Daniele Crespi e Giovan Ambrogio Figino. Alla fine dell’articolo è presente un’Appendice documentaria con l’integrale trascrizione delle citazioni dei diversi dipinti inserite nei tre inventari. Conclude il lavoro un Indice dei nomi nel quale sono stati registrati, in ordine alfabetico, i nomi dei diversi artisti citati nei vari documenti.

Document type: Article
Date: 2006
Version: Primary publication
Date Deposited: 14 Aug 2008 06:49
Faculties / Institutes: Research Project, Working Group > Individuals
DDC-classification: Arts
Controlled Subjects: Mailand, Malerei, Sammlung, Kunsthandel, Bonacina, Giulio, Pozzo Bonacina, Margherita, Bertachino, Gerolamo
Subject (classification): Museology, Art Collection, Art Museum
Countries/Regions: Italy